ANZIANO con DOLORE ADDOMINALE: CASO BANALE se usi l'ECOGRAFO! Emanuele Pivetta, MD - Scientific Board MedEmIt - Specializzando Medicina d'Emergenza-Urgenza Torino

 
Giunge in DEA un paziente di 75 anni: lamenta dolori addominali diffusi di modesta entità dalla mattina. La figlia gli ha consigliato di assumere un FANS, senza beneficio. In anamnesi il paziente non riferisce molto: appendicectomia e tonsillectomia in età giovanile, intervento di meniscectomia sinistra. Non ha storia di ipertensione arteriosa, diabete mellito, gotta…
 
Il paziente è apparentemente orientato sia nello spazio che nel tempo anche se pasticcia riferendo la sua età: la figlia racconta che il padre, nonostante l’età, è autosufficiente. Il paziente riferisce anche di bere abbondantemente e di avere un alvo stitico da tempo, non ricorda l’ultima evacuazione.
 
All’esame obiettivo il paziente ha una costituzione robusta, con significativo pannicolo adiposo addominale.  Riferisce algia a livello dei quadranti medio inferiori dell’addome, esacerbata dalla palpazione. A livello pelvico riscontrate un suono ottuso alla percussione. I parametri sono nella norma, compresa la glicemia capillare. 
 
Comincio a riflettere: Ritenzione urinaria acuta o occlusione intestinale? Cateterismo vescicale o tre provette, Rx addome e torace e consulenza chirurgica?
 
Noi scegliamo di prendere in mano la sonda!
 
 
 
 
 
Diamo un’occhiata con l’ecografo, utilizzando una sonda convex: la vescica appare molto distesa, misura 15 x 13 x 12 cm. La prostata modestamente aggettante nel lume vescicale.
 
… Richiedete il cateterismo vescicale!
 

Articolo di Emanuele Pivetta: MD - Specializzando in Medicina d'Urgenza Facoltà di Torino - Research Fellow Emergency Ultrasound Harvard Boston  e Gian A Cibinel, Primario PS Ospedale Civile di Pinerolo (TO)

Per approfondimenti si veda:

  • Noble V et al. Manual of emergency and critical care ultrasound. I edizione. 2007. Cambridge University Press.