Imaging nella spondilodiscite

Domanda: 
Qual'è lo scopo dell'imaging nella spondilodiscite?
Clicca QUI per vedere la soluzione
Soluzione: 

E' quello di escludere altre malattie (metastasi ossee, fratture osteoporotiche, spondiloartrite, malattie degenerative del disco e stenosi spinali), ricercare i segni suggestivi di osteomielite, localizzare l'infezione e ricercare le complicanze piogeniche (ascessi peridurali, paravertebrali e dello spazio discale). Mentre le radiografie standard possono darci molte informazioni sull'esclusione di altre patologie, la RMN è l'esame che ci permette di rispondere a tutti i quesiti esposti in precedenza. LA RMN è il primo esame da chiedere in caso di danno neurologico ed ha una accuratezza del 90% per la diagnosi di osteomielite. La TAC va fatta solo se la RMN è controindicata o quando sia necessaria una biopsia TAC guidata. Nessuno dei due esami ha una specificità del 100%. La diagnosi differenziale più difficile è quella con l'osteocondrosi erosiva.

New Engl J Med 2010; 362-1022-1029